martedì 16 Agosto 2022
spot_img

Covid-19 e influenza: valutazione dei sintomi e differenze

C’erano tempi in cui una banale influenza non preoccupava più di tanto, ma oggi la situazione è molto diversa dal recente passato. La drammatica comparsa del Covid, infatti, ha generato panico e preoccupazione in tutti gli italiani, o quantomeno nella maggior parte di essi. Oggi anche un semplice starnuto può causare risentimento da parte delle persone che ci circondano, per non parlare della paura quando si prende un’influenza. In quel momento, alla comparsa dei primi sintomi influenzali, è quasi naturale pensare che si tratti di qualcosa di più. Naturalmente la regola è sempre la stessa, da un anno a questa parte: evitare di farsi prendere dal panico, studiare lucidamente la situazione e imparare a distinguere i sintomi.

La manifestazione del malessere

Quando si presenta un’influenza, quest’ultima viene accompagnata da una serie di sintomi tipici di qualsiasi infezione virale. La preoccupazione nasce dal fatto che entrambe le malattie possono avere dei comuni denominatori, come la spossatezza fisica, il mal di testa, la tosse, la febbre, i dolori muscolari e una sensazione diffusa di disagio fisico. Il Covid però è molto più aggressivo, e reca con sé sintomi particolari, come le difficoltà nel respirare e la febbre alta. È bene sottolineare che la tosse da Covid-19 è molto più secca rispetto a quella derivante da una comune influenza, e lo stesso discorso vale per il dolore alla gola. Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto infatti, si consiglia di approfondire quali siano le cause del mal di gola consultando, ad esempio, la pagina web di shop-farmacia.it. Naturalmente, in caso di dubbio, si consiglia di rivolgersi sempre al medico di famiglia per avere delucidazioni in merito, ed effettuare il tampone per certificare la propria situazione.

Le principali differenze fra le due

Dopo più di un anno, oramai i sintomi specifici legati al Covid sono abbastanza noti, e si parla ad esempio della difficoltà nel percepire gli odori e della perdita del gusto, che invece non sono così frequenti nelle normali influenze. In altri casi potrebbe anche presentarsi un fenomeno di distorsione del senso del gusto, con sapori diversi rispetto a quelli ai quali si è abituati. Ad ogni modo, mai come in questo momento è importante sottolineare di nuovo la regola: il tampone è l’unico mezzo in grado di farci capire se si tratta di influenza o di Covid-19, quindi in caso di dubbi è sempre opportuno ricorrere a questo strumento, anche per una questione di rispetto della sicurezza delle persone che ci circondano (soprattutto gli anziani e gli individui a rischio).

Concludendo, la paura è naturale quando si prende l’influenza in un periodo come questo, ma non giustificata. Il consiglio è di affrontare la situazione a mente lucida, seguendo i suggerimenti più validi.

CORRELATI

spot_img
spot_img