mercoledì 17 Agosto 2022
spot_img

Fondi, Cavalli in visita all’Ospedale San Giovanni di Dio

La manager Asl, Silvia Cavalli, dopo i numerosi confronti telefonici e gli incontri avvenuti nel capoluogo, oggi ha trascorso l’intera giornata in compagnia del sindaco Beniamino Maschietto.

La mattinata è stata l’occasione per la numero uno della sanità pontina di conoscere meglio i punti di forza e le criticità dell’ospedale San Giovanni di Dio.

Con lei, ad accompagnarla, c’erano la dottoressa Laide Romagnoli, Direttore sanitario aziendale sostituto, e il professor Francesco Versaci, direttore della Uoc Utic, emodinamica e cardiologia dell’ospedale “Santa Maria Goretti” di Latina.

Tra gli scopi della visita, infatti, anche quello di valutare la possibilità di realizzare a Fondi un polo cardiologico di eccellenza, ad integrazione del servizio di pneumologia e tale da diventare un punto di riferimento nel Sud Pontino.

Particolarmente interessante la possibilità di attivare a Fondi il progetto “Cuore Amico”, promosso dall’Associazione “Gerardo Restaini” e volto a prevenire le malattie cardiologiche attraverso la telemedicina. Proprio allo scopo di sostenere la lodevole iniziativa, pensata per diffondere la prevenzione delle patologie cardiovascolari e dei fattori di rischio correlati, sono state presenti all’incontro anche la presidente del sodalizio nonché numero uno della Consulta dei piccoli comuni di Anci Lazio Lubiana Restaini e la vice Clarita Pucci. Un impegno importante, quello portato avanti dall’Associazione che ha già donato alla Asl diverse apparecchiature come holter, computer e mini pc.  

Al termine della mattinata, il gruppo è stato raggiunto in Comune dall’eurodeputato Salvatore De Meo che ha portato i suoi saluti agli amministratori, ai vertici sanitari e ai rappresentanti dell’associazione.

«Sono soddisfatto di questo incontro – commenta il sindaco di Fondi Beniamino Maschietto – come sempre ho trovato nella manager Asl Silvia Cavalli un’interlocutrice disponibile e attenta che ha ben inteso le difficoltà della sanità locale ma anche le potenzialità del nostro ospedale. Abbiamo avuto modo di approfondire diverse tematiche, alcune anche piuttosto complesse. Sono molto fiducioso e sono sicuro che il rapporto di stima e collaborazione instaurato porterà ad un miglioramento e a un’implementazione dei servizi».  

CORRELATI

spot_img
spot_img