venerdì 12 Agosto 2022
spot_img

Latina, caos stoccaggio rifiuti. Scattano le denunce contro la Lega. ABC: “Inaccettabile forzatura delle regole”

Presa di posizione dell’Azienda Speciale Abc a seguito del sopralluogo effettuato dai consiglieri comunali della Lega, Vincenzo Valletta e Massimiliano Carnevale, e del coordinatore comunale Armando Valiani nel sito di via Bassianese.

“Con riferimento ai fatti occorsi nella notte del 5 luglio, ABC intende doverosamente fare chiarezza. Dopo aver attentamente esaminato gli atti e verificato le modalità di accesso dei soggetti all’interno dell’Azienda, il consiglio di amministrazione nella giornata di ieri, 15 luglio 2020, ha deliberato la volontà di sporgere denuncia querela. Certo è che, almeno per coloro che ricoprono cariche pubbliche, ci si sarebbe attesi un maggior rispetto delle regole, posto che la violazione di un sito presidiato, ancorché di proprietà pubblica, non è in alcun modo consentito”.

Il blitz della Lega aveva messo in luce lo stoccaggio dei rifiuti nei piazzali e il timore di ripercussioni per la salute dei cittadini.

“L’Azienda avrebbe certamente autorizzato l’accesso in un normale orario di lavoro. La prassi aziendale improntata, da sempre, alla massima trasparenza avrebbe infatti consentito ai consiglieri comunali di ottenere ogni e qualsiasi informazione loro necessaria, evitando di forzare le regole di accesso al perimetro aziendale e, conseguentemente, di provocare il licenziamento dell’addetto al servizio di portineria così come comunicatoci dalla società incaricata del servizio di vigilanza”.

L’azienda che si occupa dell’igiene pubblica a Latina ricorda inoltre che la società Rida Ambiente ha interrotto il servizio di ricezione dei rifiuti per oltre una settimana, dal sabato 27 giugno al lunedì 6 luglio, comunicando dapprima un fermo impianto di tre soli giorni e poi prorogandolo ulteriormente, costringendo così ABC ad adoperarsi per cercare di contenere gli effetti di tale disagio sulla popolazione.

“L’Azienda dunque, a seguito di una situazione emergenziale ad essa non imputabile, con senso di responsabilità e vicinanza al proprio territorio, ha attivato una serie di soluzioni organizzative e logistiche per contenere gli effetti negativi sulla città generati dal fermo impianto prolungato di Rida Ambiente. Tali operazioni non hanno compromesso in alcun modo l’ambiente, né la salute dei lavoratori di ABC anzi, hanno consentito di ridurre in modo molto significativo il quantitativo di rifiuti lasciati per le strade con rischi evidenti per la salute pubblica, specie in un periodo assolutamente particolare qual è il tempo che stiamo vivendo e per di più nei giorni di grande caldo”.

Sulla vicenda quindi a fare chiarezza saranno i corsi e ricorsi alle aule dei tribunali.

“Singolare – concludono – è il fatto che l’attenzione degli avventori si sia concentrata verso chi ha dovuto gestire la situazione emergenziale e non si sia rivolta a chi questa situazione l’ha effettivamente  provocata”.

Alessia Tomasini
Nata a Latina è laureata in Scienze politiche e marketing internazionale. Ha collaborato con Il Tempo e L'Opinione ed è stata caporedattore de Il territorio e tele Etere per la politica e l'economia. L'esperienza nell'ambito politico l'ha vista collaborare con pubbliche amministrazioni, non ultima quella con la regione Lazio, come portavoce e ufficio stampa.

CORRELATI

spot_img
spot_img