giovedì 18 Agosto 2022
spot_img

Nuovi progetti per il litorale di Sabaudia e San Felice

“Da Sabaudia a San Felice: la riqualificazione del litorale di Circe” è stato il titolo dell’evento organizzato ieri mattina, presso l’Hotel Oasi di Kufra di Sabaudia, per presentare i progetti finanziati dalla Regione Lazio tramite il bando per la riqualificazione del litorale.

Presenti all’incontro, insieme all’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Università, Ricerca, Start-Up e Innovazione, Paolo Orneli; il sindaco di Sabaudia, Giada Gervasi; il sindaco di San Felice Circeo, Giuseppe Schiboni; la dirigente Area Economia del Mare della Regione Lazio, Maria Grazia Iadarola e il vicepresidente del Parco Nazionale del Circeo, Vincenzo Cerasoli.

Rifacimento dei lungomare, miglioramento dell’accessibilità delle spiagge, realizzazione di piste ciclabili e pedonalizzazioni con incremento degli spazi verdi pubblici. Sono alcune delle tipologie di interventi che verranno realizzati da 15 Comuni del litorale laziale attraverso i fondi del bando regionale.

Oltre ai due Comuni pontini, gli investimenti regionali riguardano altri Comuni vincitori del bando: Ardea, Cerveteri, Pomezia, Civitavecchia, Fiumicino, Formia, Gaeta, Ladispoli, Minturno, Montalto di Castro, Pomezia, Ponza, Santa Marinella e Ventotene. I progetti vincitori, prevedono un investimento complessivo di oltre 27 milioni di euro, dei quali oltre 21 milioni saranno finanziati dalla Regione, con un’intensità di aiuto che, a seconda dei progetti, varia dal 54% al 90%. Si tratta di interventi trasversali, che investono in nuove piste ciclabili e percorsi pedonali, lavori di sistemazione dei lungomare, di valorizzazione di aree di pregio, di riqualificazione di parchi. Tutti i progetti puntano al miglioramento del livello di benessere di turisti e residenti, e al rafforzamento della qualità dell’offerta culturale, turistica e ambientale.

Nello specifico, il progetto di Sabaudia è finalizzato al recupero delle aree pedonali e di sosta su strada Lungomare Pontino, nel tratto compreso tra il Ponte Giovanni XXIII e Torre Paola, per un percorso che abbraccia 6 chilometri di litorale. Prevista la riqualificazione dei marciapiedi con annessa realizzazione di una passeggiata ciclopedonale su entrambi i lati utilizzando materiale ecocompatibile, illuminazione smart con sensore di passaggio e servizi green, nel pieno rispetto della sostenibilità ambientale e dell’ecosistema tutelato dal Parco Nazionale del Circeo. Tra questi ultimi, l’installazione di compattatori per la plastica e di rastrelliere per biciclette elettriche con pannelli solari.

Gli interventi a San Felice Circeo riguardano la realizzazione di “Mare di Circe”, un articolato piano di ammodernamento di viale Europa: recupero dell’area di Torre Olevola; nuovi percorsi pedonabili, carrabili, e ciclabili; guide per disabili; una pista ciclopedonale; colonnine di ricarica bike, wheeelchair e auto; nuovi accessi alle spiagge libere, dove sorgeranno i “Lidi del mito”, una serie di aree attrezzate con pergole, moduli servizi e aree verdi di pubblica utilità. Con questo progetto, oltre ai servizi alla persona, il Comune pontino sta promuovendo “cultura come cardine dello sviluppo”: ricerca, scienza, letteratura e architettura si declinano in ambito urbanistico.

Il bando ha premiato gli interventi che prevedevano l’uso di nuove tecnologie per migliorare l’accessibilità pubblica e l’innalzamento della qualità dei servizi offerti, oltre a quelli che vedevano un coinvolgimento delle Università. Inoltre sono stati privilegiati i progetti attenti alla sostenibilità ambientale e che quindi prevedevano misure come: promozione del risparmio energetico, utilizzo di materiali eco-compatibili, riduzione dell’inquinamento luminoso, riduzione/riciclo dell’uso della plastica e del consumo dell’acqua potabile e uso di materiali riciclati.

“Il progetto finanziato, imponente e ambizioso, ha a cuore la sostenibilità ambientale, la vocazione turistica della città e, cosa più importante, la vivibilità in sicurezza del nostro meraviglioso mare che oggi più che mai deve confermarsi risorsa imprescindibile e volano per lo sviluppo economico dell’intero territorio- commenta il sindaco di Sabaudia, Giada Gervasi– Con questa programmazione Sabaudia potrà avviare definitivamente un processo di fruizione alternativa e sostenibile del lungomare, valorizzando e rendendo sempre più a misura di cittadini e turisti il suo patrimonio naturalistico”.

“Mare di Circe- commenta il sindaco di San Felice Circeo, Giuseppe Schiboni– fa parte di un percorso virtuoso iniziato quando ci fu assegnato il titolo ‘Città della cultura della Regione Lazio 2019’ che, tra le altre cose, ha portato anche alle nuove scoperte di Neanderthal presso Grotta Guattari. Il Circeo evoca racconti straordinari, miti e leggende; questo progetto coniuga l’inserimento non invasivo di elementi altamente tecnologici in un’area vincolata paesaggisticamente e l’utilizzo di fonti rinnovabili. Natura, epica, tecnologia e sostenibilità si fondono in un unicum urbanistico”.

CORRELATI

spot_img
spot_img